Musicultura 2021, annunciati i 16 artisti finalisti

Musicultura 2021, annunciati i 16 artisti finalisti

15 Aprile 2021

Musicultura, il Festival della Canzone Popolare e d’Autore, ufficializza i nomi dei 16 artisti finalisti della XXXII edizione del concorso, che dal 1990 contribuisce all’evoluzione stilistica e al ricambio generazionale della canzone italiana, garantendo la trasparenza dei criteri di selezione e il profilo artistico dei contenuti.

Sedici finalisti, sedici  sguardi sulla vita, un caleidoscopio di approcci musicali. Vediamo i nomi ed i rispettivi titoli delle canzoni:

  • Brugnano (Napoli) – Canzoni da mangiare insieme
  • Elvira Caobelli (Verona) – Grazie a Dio ne sono fuori
  • Caravaggio (Latina) – Le cose che abbiamo amato davvero
  • Ciao sono Vale (Bergamo) – Tutto ciò che vuoi
  • Elasi (Alessandria) – Valanghe
  • Henna (Sondrio/Milano) – Au revoir
  • Lorenzo Lepore (Roma) Futuro
  • Luk (Napoli) – Lune storte
  • Miglio (Brescia/Bologna) – Pornomania
  • Mille (Velletri, RM) – La radio
  • Sara Rados (Firenze) – Carapace
  • Francesca Romana Perrotta (Lecce/Forlì) – Dentro a un bar
  • Sesto (Trieste) – Sbalzi
  • Sudestrada (Forlì/Cesena) – Bazar
  • The Jab (Ivrea, TO) – Giovani favolosi
  • The Pax Side Of The Moon (Brianza) – Lombardia (dicon tutti che sei mia).

Tutti autori dei loro brani, gli artisti finalisti  di Musicultura 2021 si esibiranno dal vivo in un concerto in anteprima nazionale in diretta su Rai Radio 1, la Radio ufficiale di Musicultura, e sui canali social del Festival il prossimo 23 aprile, al Teatro Persiani di Recanati.

Abbiamo ancora in circolo l’adrenalina delle recenti audizioni live, ma ci sembra importante non rifiatare, dare continuità, pur in un periodo complicato, alla musica suonata e vissuta dal vivo. – Ha affermato Ezio Nannipieri direttore artistico di Musicultura – Alle ragazze e ai ragazzi meritevolemente arrivati fin qui auguro di godersi il concerto, per le loro canzoni ora è tempo di andare tra la gente, buona fortuna! Ma col pensiero vado anche a chi non ce l’ha fatta: quest’anno la quantità di proposte meritevoli è stata particolarmente consistente e per noi più doloroso del solito operare le scelte.