Deddy, l’inedito “Il cielo contromano”

Deddy, l’inedito “Il cielo contromano”

14 Dicembre 2020

Deddy, attualmente allievo della scuola di Amici di Maria de Filippi, durante la quinta puntata del pomeridiano ha presentato il suo inedito Il cielo contromano.

Il brano è stato scritto da Leonardo Zaccaria, Vincenzo Colella, Alessio Nelli e Michele Canova Iorfida, che ne cura anche la produzione.

CLICCA QUI per la scheda artista.

Ringrazio in primis “Amici” che mi ha dato questa grandissima possibilità e mi ha permesso di lavorare con Canova, che ha fatto un lavoro perfetto con la produzione. Grazie a loro “Il cielo contromano” ha preso una direzione unica, emotiva, allo stesso tempo molto attuale e metaforica. Il brano parla di un amore finito, ricordato con nostalgia ed amarezza. Nonostante non sia io l’autore ma Leonardo Zaccaria e Vincenzo Colella che ringrazio, mi ci rivedo tantissimo nelle parole e nel significato e sono felicissimo del risultato. Partendo dalla possibilità che mi è stata data di studiare in questa scuola, per arrivare alla collaborazione con Canova e a sentire il mio brano in radio…tutto ciò mi rende felicissimo!

Videoclip “Il cielo contromano”

Testo “Il cielo contromano”

Coi tuoi discorsi al mare
ci scriverò un diario
perché l’inchiostro a volte
serve solo a ricordare
mentre io mi ricordo
soltanto le mie paranoie
ma non mi frega niente
delle stelle no
gli occhi mi fanno male
ancora bruciano
aspetto di vederti
all’improvviso
senza un motivo
perché lo sai bene
Tutte le volte
mi perdevo
con gli occhi
chiusi ad un semaforo
sognavo di essere
un aereo
sfidavo il cielo contromano
insieme a te
che ti fai male
non sai volare
proteggerti mi viene
naturale
e mi stringevi
a ogni decollo
e invece adesso
chi stringi adesso
Abbiamo perso tutto l’entusiasmo
hai fermato gli orologi
quando ero distratto
tu non dirmelo
se poi ti manco
io non ti dirò
che adesso piango
e noi l’abbiamo fatto
qualche sbaglio
ma questo proprio
non me l’aspettavo
ma questo proprio
non me l’aspettavo
Tutte le volte
mi perdevo
con gli occhi
chiusi ad un semaforo
sognavo di essere
un aereo
sfidavo il cielo contromano
insieme a te
che ti fai male
non sai volare
proteggerti mi viene
naturale
e mi stringevi
a ogni decollo
e invece adesso
chi stringi adesso