Verissimo, anticipazioni della puntata di sabato 14 novembre 2020

Verissimo, anticipazioni della puntata di sabato 14 novembre 2020

12 Novembre 2020

Sabato 14 novembre, alle ore 16.00, su Canale 5, appuntamento con Verissimo, condotto da Silvia Toffanin.

Silvia Toffanin accoglierà in studio per un’intensa intervista Ambra Angiolini, fresca di pubblicazione del suo primo libro dal titolo InFame e tra qualche giorno su Canale 5 con la seconda stagione della serie “Il silenzio dell’acqua”. In esclusiva l’attrice Manuela Arcuri racconterà per la prima volta in tv la sua verità sulla storia d’amore con Gabriel Garko. Ospite del talk show anche Alba Parietti, che parlerà del rapporto con suo figlio Francesco Oppini tra i concorrenti di Gf Vip. E ancora, in studio Dodi Battaglia ricorderà l’amico e batterista storico dei Pooh Stefano D’Orazio, scomparso settimana scorsa a causa del Covid. Infine, a Verissimo Andrea Cerioli e Arianna Cirrincione, coppia nata sotto i riflettori di “Uomini e donne” e sempre più innamorata.

Manuela Arcuri

In un’attesa intervista, Manuela Arcuri racconta per la prima volta in tv, a Verissimo, la sua verità in merito alla sua storia d’amore con Gabriel Garko: 

Forse sono caduta anch’io nella rete di qualcosa di organizzato a tavolino. Non so se per lui sia stata una storia finta, ma per me è stata vera. Sentendo le sue dichiarazioni mi viene da pensare che forse anch’io sono una vittima e mi dispiacerebbe tantissimo. Anni fa – prosegue – abbiamo avuto una relazione durata qualche mese e non posso dire fosse una cosa falsa e organizzata. Ero innamorata e tra noi c’era una grande attrazione fisica, ci piacevamo tantissimo. È durata poco, però per quel breve periodo lui era il mio fidanzato: per me è stata una storia vera.

In merito al coming out di Gabriel Garko, l’attrice confessa:

Non mi ha mai detto nulla, c’erano delle voci, avevo forse dei dubbi, ma non ho mai avuto certezze. Con me non si è mai aperto e forse ha sempre mantenuto una maschera fingendosi eterosessuale. Immagino quanto abbia sofferto, nascondersi sempre non dev’essere stato facile e mi dispiace tantissimo. Non ci sentiamo da un po’ di tempo, l’ho cercato durante il lockdown ma non sono riuscita a parlagli. Forse perché già stava cominciando a pensare di dire la sua verità e si sentiva un po’ in difetto nei miei confronti.

Silvia Toffanin, che gli chiede se tornerebbe a lavorare con Garko, rivela: 

Certo che lo farei. Mi dispiacerebbe se mi avesse preso in giro per apparire quello che non era, ma sono passati tanti anni. È stato il mio collega più fedele. Abbiamo lavorato tantissimo insieme e per me non è cambiato niente. Tornerei a recitare con lui con una verità in più.

Manuela Arcuri parla poi anche del suo passato professionale con il mondo Ares: 

Lavorando con loro ho solo avuto benefici. Mi hanno dato tantissimo, sono stati come una famiglia, erano delle persone che ti davano consigli, che ti aiutavano e ti indirizzavano: mi hanno fatto solo del bene e non posso dire niente di male. Li ringrazierò per sempre, persone meravigliose e generosissime. Mi hanno trattato come una star, ma trattavano tutti allo stesso modo, ospitavano gli attori in questa casa meravigliosa e non gli facevano mancare niente. Mi dispiace sentire dopo anni queste cose: perché queste cattiverie non sono state dette nel periodo d’oro ma sono uscite solo ora quando l’Ares è finita? Questa cosa non mi va giù. Tra me e Alberto Tarallo è rimasta una bellissima amicizia e lui è molto amareggiato per quello che ha sentito. Non riesce a capire il motivo di tutta questa cattiveria e non riesce a spiegarsi la non riconoscenza.

Sulle parole di Adua Del Vesco e Massimiliano Morra dette nella casa del Grande Fratello Vip, dichiara: 

Li ho conosciuti durante le mie ultime fiction, ho lavorato con loro e penso sia grazie ad Ares se hanno avuto la possibilità di andare al Grande Fratello. Quando li ho frequentati sul set mi sembravano persone felici della loro carriera e di quello che stavano facendo, non ho visto nessun malessere.

Dodi Battaglia

Sono giorni difficili, ma dobbiamo pensare ad andare avanti e a onorare la sua memoria.

Dodi Battaglia a Verissimo ricorda l’amico e batterista storico dei Pooh  Stefano D’Orazio, scomparso settimana scorsa a causa del Covid. Ai microfoni del talk show racconta:

Stefano è stato il vero collante dei Pooh. Mentre io giocavo a fare l’artista lui pensava a gestire il gruppo. Avevo un rapporto particolare con lui. Sono sempre rimasto stupito dalla sua umanità e incredibile onestà intellettuale – e aggiunge – Ci ha lasciato un insegnamento: ‘Non perdete il sorriso nei confronti della vita’.

A Silvia Toffanin, che gli chiede quando ha sentito Stefano per l’ultima volta, Dodi risponde: 

L’ho sentito solo qualche giorno prima. La cosa che mi addolora di più è pensare che se ne sia andato senza poter abbracciare sua moglie, un amico.

Infine, sul come onorare il ricordo di Stefano D’Orazio, Dodi Battaglia dichiara: 

Qualcosa dobbiamo sicuramente fare, che sia un’apparizione televisiva, un libro, un film per dire che gli amici per sempre sono veramente per sempre.

Ambra Angiolini

Ambra Angiolini, presentando a Verissimo il suo primo libro dal titolo InFame, racconta la sua lunga battaglia contro la bulimia: 

Mangiare era il modo di sfogare la mia incapacità di chiedere aiuto. Ho sempre cercato di fare male a me stessa e mai agli altri.

Silvia Toffanin, che le chiede quale sia stato il momento più buio, Ambra risponde:

Ad un certo punto, non riesci più a vedere lucidamente quello che succede fuori. Tutto il percorso è buio e luce, hai dei momenti di grande felicità alternati a momenti di disperazione totale. Quando però perdi anche il motivo per il quale succede, lì cominci ad avere una paura che ti porta a cercare altro senza stancarti mai, fino a che, ma non per tutti, arriva il lieto fine….

Lieto fine che fortunatamente invece c’è stato per Ambra, grazie anche all’arrivo della sua prima figlia Jolanda: 

Lei ha fatto in modo che la mia pancia diventasse improvvisamente il posto più accogliente e pieno della terra. In un momento in cui mai avrei voluto che accadesse, me la son dovuta portare dentro per nove mesi finché non è uscito il mio miracolo più bello.

Anche l’ex marito Francesco Renga è stato fondamentale per il percorso di guarigione dell’attrice: 

Francesco era bulimico di sorrisi, rideva sempre. Ho capito che avevamo qualcosa in comune, ci siamo presi per mano e riconosciuti.

Adesso Ambra è felice insieme all’allenatore di calcio Massimiliano Allegri

Lui mi ha regalato il tempo per fare una delle cose delle quali vado più orgogliosa di tutta la mia vita professionale: scrivere un libro. – E conclude: Mi ha lasciato la possibilità di pensare a nient’altro che alla mia storia.