Aiello, dal 3 luglio il nuovo singolo “Vienimi (a ballare)”

Aiello, dal 3 luglio il nuovo singolo “Vienimi (a ballare)”

29 Giugno 2020

Il nuovo singolo di Aiello Vienimi (A ballare) sarà disponibile in radio e su tutte le piattaforme digitali da venerdì 3 luglio.

Vienimi (A ballare), scritta da Aiello e prodotta da Iacopo Sinigaglia insieme ad Alessandro Forte, riporta il cantante alle sue radici, la Calabria. Nel brano, le origini meridionali, l’autenticità del cantautorato italiano, i suoni street contemporanei e il ritmo delle musiche popolari latine, si fondono in un mix di sonorità nuove e potenti. L’artista racconta la voglia di superare le storie finite, il desiderio di libertà, di una nuova leggerezza, l’inizio di un’estate speciale, un’Estate Meridionale. Aiello torna a far sentire la propria voce con questa canzone, che arriva dopo aver ricevuto due certificazioni oro, una ottenuta per Arsenico e l’altra per La mia ultima storia, entrambe estratti dal suo primo album Ex Voto. Aiello è attualmente impegnato nella realizzazione del suo secondo disco, un nuovo mix di generi musicali, un nuovo threesome, questa volta “troppo pop, troppo street e troppo meridionale”, di cui Vienimi (a ballare) è un’anticipazione. 

Videoclip

Il video, diretto da Giulio Rosati e prodotto da Borotalco.tv, mette a fuoco il mondo di Aiello, un’evoluzione sonora ed estetica che fonde il pop, con scenari più street e meridionali.

Nel video di Vienimi (A ballare) il cantante balla sui tetti di una periferia meridionale, vicino al mare, poi in spiaggia al tramonto. Dialoga a distanza con una ballerina, che come lui si lascia trasportare dal ritmo incalzante della canzone. È il racconto di un’estate del sud, dove quadri urban si mescolano a sapori e immagini più latine, popolari, dove tutto profuma di passione e autenticità. È la storia di un uomo che viene dal mare.

Le nostre radici raccontano di noi più di una qualsiasi carta d’identità, e nel videoclip di Vienimi (A ballare) ci sono le mie origini, ci sono io come mi sono sempre visto e come non tutti mi conoscono ancora.