Francesco Gabbani, dal 5 giugno il nuovo singolo “Il sudore ci appiccica”

Francesco Gabbani, dal 5 giugno il nuovo singolo “Il sudore ci appiccica”

1 Giugno 2020

Da venerdì 5 giugno sarà disponibile sulle principali piattaforme di streaming e download Il sudore ci appiccica, il nuovo singolo di Francesco Gabbani.

Fra l’altro ti volevo dire:
La vita non è male
Per quanto stare bene non sia poi così normale.
Sorriso in faccia finto e in ventre lacrima innocente
Cos’è che conta veramente se la gente…
Odia la gente?

Viceversa, l’ultimo singolo di Francesco Gabbani, presentato al Festival di Sanremo 2020, si è rivelato una grande successo: dopo essersi aggiudicato il podio sul palco dell’Ariston, è stato certificato platino e il video ha superato i 42 milioni di views su YouTube. È in questo clima di grande affetto dimostrato dal pubblico che Francesco Gabbani torna con Il sudore ci appiccica, un nuovo singolo estratto dall’album Viceversa (BMG), in rotazione radiofonica da venerdì 5 giugno e già disponibile sulle principali piattaforme di streaming e download. In un momento storico che ricorderemo per la sofferenza provocata dal distanziamento fisico, Gabbani ci ricorda che è importante non essere anime distanti. Un’invettiva nei confronti dell’individualismo. Il sudore diventa siero della condivisione collettiva. Dovrebbe “appiccicare” la comunità, diventando collante fisico che permetta la compartecipazione attiva e sentita di fatiche, difficoltà e anche gioie. Una nuova incursione nel mondo etico dunque, sempre con un sound accattivante coinvolgente e un po’ vintage, che rievoca il dinamismo della disco-music.

Videoclip

Con queste parole il regista racconta il video: 

Il sudore ci appiccica è il mio primo set dopo il lockdown. Dopo che Francesco mi disse che desiderava un video che fosse una risposta positiva al periodo difficile appena affrontato, ho pensato che sarebbe stato azzeccato raccontare visivamente il passaggio dalla solitudine immobile ed annoiata nelle nostre case fino ad un’ esplosione di colori e condivisione all’aria aperta. Il video in questo senso è un crescendo, in cui il Gabbani più eccentrico stimola e gioca con la sua parte più seria fino ad amalgamarsi. Un po’ come forse abbiamo fatto noi nei mesi scorsi, chiusi in casa per ripararci dai rischi, mentre l’altra parte di noi continuava a sognare di essere altrove.