Amici 19, i top e i flop della quarta puntata del Serale

Amici 19, i top e i flop della quarta puntata del Serale

21 Marzo 2020

E’ andata in onda, venerdì 20 marzo, la quarta puntata del Serale di Amici di Maria de Filippi. Ecco alcune considerazioni sulla puntata.

FLOP

  • Tra le esibizioni peggiori sicuramente In un giorno qualunque di Nyv! Nonostante sia stata premiata dalla giuria, non ha proprio convinto il pubblico, cantare una delle canzoni forse più celebri di Marco Mengoni è davvero un suicidio mediatico. Ha tolto tutto quel pathos dell’inciso e l’ha resa estremamente piatta. Nyv ne sta uscendo con le ossa un po rotte da questo serale c’è da dirlo.
  • Apriamo l’attesissimo blocco settimanale: Nicolai. Televisivamente funziona, nel senso che crea quella dinamica di antagonismo che al pubblico piace, detto ciò, a tutto c’è un limite. Non so se sia stato peggio la “falsa remissione” da parte di Nicolai con il platonico “darsi la mano” con Javier a cui abbiamo assistito, oppure il “Io la maglietta la darei ad uno degli altri” in cui voleva fare della “carità” agli altri cantanti forse, per non parlare poi della straordinaria frase detta nei confronti di Javier una volta che aveva perso la sfida, “Sono contento che ha vinto almeno non crea altri drammi“. Ditemi che l’agonia di questo vittimismo avrà fine con la semifinale, perché una finale con i suoi sproloqui non posso affrontarla.
  • Vogliamo parlare dell’esibizione Ghost di Nicolai? un grandissimo bohhhh! Al di la dell’ottimo movimento, perché oggettivamente ha un salto e una linea dei movimenti perfetti, non c’era tecnica, non c’era pulizia, espressione… non c’era.

RIMANDATI

  • Jacopo che si esibisce con Accetto Miracoli di Tiziano Ferro. Vale un pò il discorso fatto per Nyv, a differenza che lui ha davvero fatto una buona esibizione, eccellente dal punto di vista della tecnico, ma mancava quell’emozione, ed è ricaduto nella versione tribute band di Tiziano Ferro.
  • Non bellissimo anche il blocco relativo al confronto tra Nicolai e Javier, giudicati dalla Abbagnato. Non mi sono trovata d’accordo sul concetto che in queste settimane sta passando… sembra che chiunque possa giudicare danza e canto, anche senza saperne a questo punto, e da una come la Abbagnato una frase del tipo “si vota in questo caso a gusto” mi pare, con tutto il rispetto per la figura che ricopre, una gran paraculata. Non possiamo mitigare il fatto che Javier sia stato tecnicamente ineccepibile, al di la di questo fantomatico e famoso Doppio Sission, che ha indignato talmente tanto Cannito ma che metà dei ballerini classici sul web ha detto di non conoscere.

TOP

  • Gaia è sempre più forte. Dal primo girone al quarto Gaia ha dimostrato di potersi mangiare quel palco ad ogni occasione, dalle esibizioni con i suoi inediti alle cover. Se non avvengono stravolgimenti in semifinale potrebbe giocarci un posto in finalissima.
  • Javier, e che je voi dì? Rimango sempre stupita di quanto sia bravo questo ragazzo. Ha una potenza sul palco che raramente ho visto, anche nel mondo delle compagnie di ballo, una pulizia nel movimento, una precisione, e una tecnica impressionante. Javier ti trasmette sicurezza sul palco e questo è fondamentale per un ballerino del suo livello. Soggettivamente lo vedrei bene in finalissima a due con Gaia, per la vittoria. (Dita incrociate e scongiuri vari).