Amici 19, i top e i flop della terza puntata del Serale

Amici 19, i top e i flop della terza puntata del Serale

14 Marzo 2020

E’ andata in onda, venerdì 13 marzo, la terza puntata del Serale di Amici di Maria de Filippi. Ecco alcune considerazioni sulla puntata.

Partiamo analizzando a priori il diverbio che sta accapigliando il web, che attualmente giudica in modo negativo l’atteggiamento di Maria de Filippi nei confronti del ballerino Valentin. Tutto comincia con l’uscita dallo studio di Javier che si è opposto alla vittoria del ballerino Nicolai, decretata dalla giuria. Alessandra Celentano, Giuliano Peparini e Timor appoggiano l’idea del ragazzo, affermando la sua bravura e superiorità nell’esibizione in questione. Poco dopo, in fase eliminatoria, Maria chiede a Valentin il motivo per il quale fosse arrivato all’ultimo turno di eliminazione, e il ballerino afferma che “Sono abituato in una gara a lavorare in un certo modo, a focalizzarmi sul ballo. Sento che andiamo da un’altra parte, e a questo punto non mi posso esprimere al mio massimo. Anche se vincerò questa sfida con Jacopo io uscirò, perchè non sento che posso esprimermi al 100%.
Quando sento che una giuria può sbagliare, quando era chiaro che Javier ha ballato molto meglio anche a livello di tecnica ed espressività rispetto Nicolai
“. Maria a questo punto ribatte all’allievo “Perché la fai la sfida? Se tu pensi che indipendentemente da Jacopo, se la vinci i se la perdi te ne vai a casa, perché la fai? Per me puoi andare subito, perché so che Jacopo ci tiene a rimanere e a me va benissimo che rimanga Jacopo.” Rinvolgendosi verso Jacopo a questo punto dice “Mi dispiace perché penso che tu valga e potevi vincerla ma quando hai di fronte a te uno che dice persino che la vince, ma se ne frega

Con estrema onestà penso che possiamo oltrepassare i modi che hanno coinvolto i protagonisti della vicenda e concentrarci più sul contenuto più del concetto di Maria. Stiamo parlando di un contesto già molto inusuale per via dell’assenza di pubblico, ed essendo un programma in diretta. Al netto dei rumors che circondano Valentin da qualche settimana, Maria ha accennato ad alcune problematiche ripetute da parte dell’allievo in sala prove, in particolar modo nell’approccio con la maestra Titova. E’ corretta l’osservazione da parte del pubblico, che abbiamo fatto anche noi più volte, sull’atteggiamento scorretto di Nicolai nei confronti di chiunque all’interno del programma ma, in questo caso Maria non ha contestato a Valentin l’atteggiamento in sala (infatti questo è stato citato più avanti nella discussione) ma gli contestava il suo porsi insofferente e menefreghista in merito alla gara, come se se ne fregasse di essere li e quindi squalificando il lavoro di centinaia di persone che stanno portando avanti uno spettacolo, nonostante tutti i problemi del periodo e nonostante l’aver dovuto adattare tutte le coreografie alle norme imposte dal governo per la sicurezza; quindi veniva contestato una potenziale eliminazione di Jacopo, che ha dimostrato di tenerci veramente a rimanere all’interno del programma, a discapito di un Valentin al quale non interessava proseguire il percorso.

FLOP

  • Aver approvato la proposta di estromissione da parte della Giuria verso i professori. Da qui voglio prendere spunto per parlare in termini numerici di quanto sia fondamentale il voto di una giuria di tecnici del settore, quali i professori. A giuria ampliata sono 9 teste che votano, 3 per il ballo, 3 per il canto e 3 di giuria mista (chiamiamola addetti ai lavori in ambito di spettacolo), quindi una platea di voto più ampia, garantendo quindi che in caso di una votazione “ingiusta” da parte del membro della giuria X, gli altri professori (tecnici della materia quindi) possono equilibrare il voto. Si tratta sostanziamene del discorso che viene fatto ogni anno a Sanremo, è davvero corretto che il televoto valga solo per 6,_% della votazione totale?!
  • Esibizione di Nicolai in Les Bourgeois, oggettivamente al di sotto delle aspettative. Abbiamo sempre ammesso una bravura di Nicolai ma in questa occasione è stato, sotto aspetto oggettivo, inferiore qualitativamente a Javier, sia tecnicamente che espressivamente.
  • L’esibizione di Salvami da parte di Giulia. Imprecisa, per niente emotiva. Meglio per quanto riguarda l’appesantimento, sicuramente più leggera rispetto ad altre esibizioni.
  • Il tentativo da parte di Rudy Zerbi di giustificare l’atteggiamento provocatorio di Nicolai nei confronti… beh di tutti. Considerato che a detta sua è “Il ballerino del secolo”, Nicolai dovrebbe essere realmente consapevole della sua bravura e quindi non avrebbe bisogno di doverla ostentare ad ogni occasione possibile, sopratutto non avrebbe bisogno di sminuire il lavoro degli altri per sentirsi più forte. Imploro la produzione, bloccatelo quando inizia a fare i suoi monologhi nel giardino parlando alla telecamera come fossimo in Taxi Driver (risata ndr.)

RIMANDATI

  • Scontro Celentano e Maria de Filippi. Non credo fosse necessario alzare i toni fino a quel punto, Alessandra Celentano ha spesso dimostrato negli anni di enfatizzare fin troppo i suoi concetti, ricordiamo negli anni addietro i vari “Sacco di patate“, “il collo del piede“, ecc ma tutto sommato il concetto espresso non era di per se scorretto, ma espresso con un pò troppa enfasi, sopratutto nel battibecco con Cannito. Maria ha cercato di porre l’attenzione sull’aspetto più umano di Javier mentre la mestra ha posto l’accento sull’inadeguatezza dei giudici nel giudicare un’esibizione di ballo. Questo ha scatenato davvero un putiferio che è stato brutto soprattutto perché le stesse cose potevano essere dette in altro modo, senza alzare troppo la voce. A rasserenare però c’ha pensato Maria in coda al programma con la frase “Sei proprio scema, se non ti volessi bene ti sbatterei fuori” ridendo, appianando così la divergenza tra le due.
  • L’uscita dallo studio di Javier.
    Javier è una testa calda? Si.
    Javier è bravo? Si, anche se ciò non implica che possa permettersi di fare tutto.
    Partendo dal presupposto che subire senza rispondere alle continue provocazioni di Nicolai non deve essere semplice, sopratutto per il caratterino che ha dimostrato durante il pomeridiano, Javier deve essere più forte, deve concentrarsi sulla volontà di esibirsi e di portare a casa la coreografia al meglio. Potrebbe vincere, oppure no, ma non è importante nel momento in cui vai su quel palco e lasci un segno indelebile nel pubblico, piuttosto che nella giuria e questo pare proprio che avvenga leggendo qui e la i commenti.

TOP

  • Prova Titanic. Oggettivamente ben costruita, interpretazione bellissima da parte di Valentin, buona ma non eccellente da parte di Javier, mentre Nicolai davvero inespressivo al massimo. Fa ridere sopratutto che i giudizi e le correzioni che Nicolai faceva a Javier, le ha sbagliate lui, mantenendo lo stesso sguardo per tutta la coreografia.
  • Gaia con Chega. Eh beh quando Gaia si esibisce con i suoi inediti ti fa già immaginare di assistere un suo live al Fabrique di Milano. Giusta, a fuoco, ponderata e coinvolgente al massimo.
  • Javier nella comparata di Les Bourgeois. Javier è oggettivamente un artista che ti trasmette fierezza, in tutte le coreografie riesce a percepire quella forza, quella sicurezza nel movimento e questo fa si che lo spettatore sia completamente in empatia con il ballerino, anche attraverso la TV.