Mox, dal 6 marzo il nuovo singolo “Fino a quando il cielo esiste”

Mox, dal 6 marzo il nuovo singolo “Fino a quando il cielo esiste”

3 Marzo 2020

Sarà disponibile da venerdì 6 marzo Fino a quando il cielo esiste (Maciste Dischi/Polydor), il nuovo singolo di Mox con lo speciale feat. di Fulminacci.

Il brano arriva a distanza di poco più di una settimana dall’ultimo singolo Brava, un brano edito pubblicato in una nuova versione con la collaborazione di Dimartino. Mox su Fino a quando il cielo esiste:

L’orizzonte non è più visibile per colpa dei nuovi palazzi in costruzione, il mare è pieno di plastica, dal sole cadono fiamme, non si vedono più le stelle nel cielo, gli animali si estinguono insieme agli habitat. Sappiamo dove sbagliamo, ma non vogliamo correggerci, non vogliamo impegnarci davvero per cambiare le cose, rimandiamo, rimandiamo sempre. Preferiamo distrarci e cercare il bello nel brutto che abbiamo generato, e finchè resta qualcuno che balla preferiamo anche noi continuare a ballare. Ho scritto questa canzone per riflettere, ma anche per ballare. Dobbiamo pensare al presente per migliorare il futuro. Il ritornello è stato scritto e cantato da Fulminacci che oltre ad essere un grande amico, per me rappresenta davvero il futuro in questo caso della musica Italiana.

Fino a quando il cielo esiste gioca con l’ironia e il sarcasmo tipico di Mox, che con i suoi testi segue una linea ben precisa, nell’intento di sottolineare in questo brano la necessità di un impegno personale e di comunità nei confronti del mondo che viviamo.

Videoclip

Sempre a partire da venerdì alle 14:00, sarà online anche il video interamente girato a Milano, che ritrae i due artisti in una versione inedita e ironica.

Mox e Fulminacci attraversano le vie della città semi deserta, nelle vesti di due ultra settantenni destreggiandosi con i loro mezzi elettrici tra una città in continuo sviluppo. Il video tramuta il messaggio e lo riflette in una situazione di routine, in una lunga passeggiata attraverso gli occhi di due persone che, con l’età che avanza, vivono il cambiamento in modo non sempre positivo.