Ghali, dal 21 febbraio il nuovo album “DNA”

Ghali, dal 21 febbraio il nuovo album “DNA”

21 Febbraio 2020

DNA è il nuovo album di Ghali, disponibile dal alle 23.59 del 20 febbraio per Atlantic Warner/Sto Records.

Quindici tracce per raccontare il viaggio che ha portato Ghali ad essere oggi un riferimento nella scena musicale nazionale e internazionale. Il secondo album di Ghali, dopo lo strepitoso successo di Album, è un disco forte, a tratti identitario ma anche pieno di sfaccettature che testimoniano le diverse anime di un artista che non ha mia avuto paura di cambiare gli abiti delle sue canzoni. DNA, oltre ad essere un vero e proprio percorso biografico in musica è un viaggio visivo, intriso d’arte e concepito insieme ad un nuovo universo visual. Dalla copertina in cui Ghali si leva la maschera, concetto ripreso nell’esibizione da super ospite a Sanremo 2020, passando per la cura quasi cinematografica dei videoclip come quello di Boogieman feat Salmo girato in reverse, l’idea nel lavoro di Ghali è sempre di immergere lo spettatore in un immaginario capace di coinvolgerlo a trecentosessanta gradi. I quindici brani sono stati lavorati con differenti produttori e si alternano i più affermati beatmaker del nostro paese fra cui Mace, Mamakass, Merk & Kremont, AVA, Sick Luke, Canova, Zef e Venerus, ad alcuni dei nomi più interessanti del panorama internazionale come Bijan Amir, M.B e MrEazi. Mace, oltre a essere uno dei beatmaker è stato il produttore artistico dell’intero progetto. I brani alternano elementi urban ad incursioni nel mondo della musica elettronica e beat più legati alla tradizione sonora araba, ma il risultato è quello di essere pop nel senso più nobile in assoluto: per tutti. DNA è un album volutamente accessibile e interpretabile su più livelli il cui fil rouge è un racconto biografico. Questo disco racconta le mille sfumature di un artista che nel suo variare fra mondi e sonorità riesce a restare sempre estremamente unico. Oltre al feat di Salmo in Boogieman sono presenti altre tre collaborazioni: Jennifer è stata realizzata con Soolking rapper algerino da tempo nell’olimpo degli MC francesi; Combo con MrEazi, produttore Nigeriano fra i più iconici esponenti della nuova musica africana e infine in Marymango, troviamo  tha Supreme, l’enfant prodige della musica hip hop nostrana. Quattro artisti, quattro storie diverse per un album ricco di nuove prospettive sonore, di scrittura, ma in primo luogo di vissuto umano. Queste collaborazioni, che arrivano dopo il lavoro fatto con Ed Sheeran su Antisocial e la riscrittura di una strofa sul pezzo cult della musica grime Vossi Bop di Stormzy, sanciscono definitivamente l’ingresso di Ghali in una dimensione di artista internazionale. Come sempre nel lavoro di Ghali, il motore è la curiosità e la stima e sono questi i criteri che hanno portato a scegliere anche queste nuove collaborazioni.

Intervista

DNA Instore Tour

Prima degli appuntamenti live Ghali torna ad incontrare i fan durante una serie di incontri firma copie nelle principali città italiane.

CLICCA QUI per il calendario degli appuntamenti

Il Concerto

L’8, il 9 ed il 10 maggio Ghali presenterà in anteprima al Fabrique di Milano, uno show prodotto da Live Nation Italia. Ghali torna a Milano, in una dimensione più personale e diretta di live che rispecchia l’esigenza di tornare alle origini già introdotta nella scelta del nome dell’album. A Sanremo abbiamo intravisto parte dell’idea di live che Ghali sta costruendo; un’esibizione sempre più teatrale e articolata anche a livello visivo. Il club come luogo di allegria, di vicinanza fisica fra le persone e chi si esibisce sul palco, è l’habitat naturale per chi ha bisogno di un rapporto diretto con i propri fan e chi reclama la libertà di sperimentare nuove, sorprendenti soluzioni. 

Ho viaggiato tanto in questi ultimi anni. Ho suonato su palchi importanti in Italia e all’estero davanti a decine di migliaia di persone. Eppure nulla è come tornare a casa e sentire il calore della mia gente, dei fan più accaniti. La voglio il più vicina possibile al Fabrique, a Milano, a casa mia.

Fa bene tornare da dove si è partiti per vedere con chiarezza dove si vuole andare. I primi passi, mossi quasi per gioco, restano le origini; un luogo da attraversare per ricordarci chi siamo. Non solo un live ma una vera festa, un ritrovarsi fra vecchi amici, un modo per dire “grazie” a chi ha reso una carriera, un vero sogno. La prima volta del nuovo album di Ghali sarà un ritrovarsi, dopo qualche tempo, in un grande abbraccio collettivo per ascoltare i nuovi brani ma anche per rivivere insieme i brani più significativi della sua sorprendente storia. Come sempre con al centro la musica e le persone.