Sanremo 2019, la conferenza stampa di presentazione

Sanremo 2019, la conferenza stampa di presentazione

4 Febbraio 2019

Prende il via con la conferenza stampa del 4 febbraio, la nuova edizione del Festival di Sanremo 2019 che vede alla direzione Artistica Claudio Baglioni e come co-conduttori Virginia Raffaele Claudio Bisio.

La conferenza stampa si apre con le parole del sindaco di Sanremo:

E’ un onore poter confermare che tutte le location (residence, alberghi, ecc) sono sold-out. Il Festival si preannuncia interessante dal punto di vista turistico, ci tengo a fare un ringraziamento alle forze dell’ordine per l’organizzazione e la sicurezza e all’orchestra sinfonica del Festival per l’impegno

Dopo un saluto confidenziale di Teresa de Santis, direttore di Rai 1, prende la parola e si esprime in merito alle discussioni avvenute negli scorsi giorni in merito ai super-ospiti, conflitti d’interesse e la presunta discordia tra lei e il direttore artistico, Claudio Baglioni.

Quando parliamo di ospiti internazionali dobbiamo parlare anche dei nostri artisti sono a livello internazionale. Si è parlato di festival autarchico e sovranista, non è così. Sicuramente questo è un festival che ha un’identità, siamo sicuri che il Festival attraverso i suoi testi rilanci un messaggio di italianità.

Per la mia esperienza, la produzione culturale italiana vive di continuità. Come nel Live Aid è molto frequente che ci siano filiere ad occuparsi degli artisti da far partecipare. Per Baglioni sta alla sua coscienza portare avanti il risultato e la certezza di un prodotto, non credo voglia smentirsi. Un’artista che ha 50 anni non credo voglia buttare alle ortiche questa esperienza per finire in chissà quali oscure macchinazioni

Prende la parola Claudio Fasulo e dice che:

Questo è il più grande show prodotto da un’azienda televisiva in europa, ospiterà nel suo palco 263 artisti fra cantanti, ospiti e performers. E’ il motore della nostra azienda e dell’industria musicale italiana

Fasulo annuncia i membri del quale sarà composta la Giuria  Festival viene annunciata la Giuria d’Onore che voterà nelle serate di venerdì e sabato:

Presidente Mauro Pagani
Componenti: Ozpetek, Raznovic, Pandolfi, Elena Sofia Ricci, Beppe Severgnini, Serena Dandini e Joe Bastianich

A questo punto è il turno di Claudio Baglioni che si esprime in merito al Festival senza cadere in provocazioni pure giocando però con la sua solita ironia e affrontando i temi nel quale è stato coinvolto nelle ultime settimane dai giornali e Striscia la Notizia.

Per la seconda volta ho accantonato i miei progetti per il festival, mi misuro con la cosa più difficile della mia vita. Anche quest’anno è stata tolta l’eliminazione, questo rito cruento sembrava indispensabile poi sembra che non se ne sia accorto nessuno. La mia missione è quella di avvicinare coloro che criticano Sanremo ad un occasione importante per loro”

Questo festival sostanzialmente sarà molto simile a quello che è stato l’anno scorso. L’internazionalità sta nel fatto che molti dei nostri artisti sono internazionali

Alla domanda sugli ospiti viene annunciata la presenza nella seconda serata di Riccardo Cocciante. Saranno ospiti anche artisti internazionali come Luis Fonsi con Eros RamazzottiTom Walker con Marco Mengoni.

Scenograficamente Baglioni racconta di come è nata l’idea del logo e della struttura del palco, ha immaginato il numero 69 come lo yin e yang e il palco sarà il più grande che ci sia mai stato. 12 telecamere di cui 8 speciali, illuminotecnica a livello internazionali che non lasceranno il palco senza luce per un solo secondo e l’utilizzo anche quest’anno della Spider cam.

Tornando a parlare della gara e degli esclusi, Baglioni si trova a dire “Il percorso più difficile è terminato, la mia proposta è quella di portare canzoni contemporanee nei suoi diversi generi. Ho cercato di portare avanti il mio lavoro sapendo di farmi 24 amici e 360 persone che mi odieranno

Parla ora Luca Josi  di TIM che anche quest’anno è partner dell’evento: “Saremo accompagnati durante queste serate da Mina che interpreterà Kiss the sky di Jason Derulo nella versione italiana

Baglioni annuncia inoltre che tre serate si apriranno con sue canzoni, con la chiave di lettura dei suoi live ovvero portando quell’aspetto “musical” che Giuliano Peparini è stato in grado di dare al suo tour. Conferma in oltre la voce che lo vedevano duettare con Serena Rossi sul palco dell’Ariston sulle note di Almeno tu nell’universo, e che, con Andrea Bocelli interpreterà Il Mare calmo della sera e si terrà un momento particolare in cui Andrea Bocelli “consegnerà” il timone a Matteo, suo figlio. Nella prima serata anche Giorgia con cui canterà 2 brani, Claudio Santamaria e Pierfrancesco Favino.