Jeff Lynne’s Elo, dal 1 novembre il nuovo album “From out of nowhere”

Il 1 novembre esce From out of nowhere il nuovo album dell’iconico gruppo Jeff Lynne’s Elo a cui seguirà un intenso tour in Europa e in America.

Jeff Lynne's Elo

Il disco arriva nel momento di maggiore creatività artistica dell’autore, musicista e produttore Jeff Lynne e si compone di 10 brani: dalla title track From Out Of Nowhere alla malinconica Help Yourself, dalla celebrativa Down Came The Rain alla rockeggiante One More Time fino alla dolce Songbird. In From Out Of Nowhere Lynne mette in evidenza nuove sfaccettature delle sonorità che lo contraddistinguono, attingendo al suo ricco bagaglio di esperienze artistiche e musicali. Alla realizzazione dell’album ha contribuito anche Steve Jay, come ingegnere del suono e percussionista. Il tema centrale dell’album è un senso di ottimismo, a cui spesso Lynne si rivolge direttamente, perché “tutti hanno bisogno di un po’ di ottimismo”. D’altra parte, l’esistenza stessa di questo album è una sorta di gioia inaspettata, sia per i fan sia per l’artista stesso.

From Out of Nowhere” ovvero “dal nulla”: è nato proprio così! – dichiara Jeff Lynne – questo brano è il primo che ho scritto per l’album ed è stato più o meno così: dal nulla!

L’album si è costituito sulla base dell’energia e del clamore suscitato dall’uscita del precedente album Alone In The Universe e del trionfante ritorno live per la prima volta dal 1985, iniziato con una performance nel 2014 davanti a oltre 50.000 persone ad Hyde Park di Londra. Da allora Lynne e il gruppo da lui riunito hanno suonato in tour in Europa e in Nord America, con concerti che hanno registrato in tutto esaurito in prestigiose location come Radio City Music Hall a New York, otto serate alla O2 Arena di Londra, una performance da headliner al festival di Glastonbury nel 2016, tre spettacolari concerti all’Hollywood Bowl e uno spettacolo per quasi 60.000 fan al Wembley Stadium nel giugno 2017, di cui è stato prodotto un film-concerto. A questo è seguito un tour negli Stati Uniti nel 2018 e un ritorno in America per venti date la scorsa estate.