Mia Martini, in uscita il 22 febbraio la raccolta “Io sono la Mia musica”

E’ in uscita il prossimo 22 febbraio in tutti i negozi sulle piattaforme digitali, per Sony MusicIo sono la Mia musica, antologia di 4 cd con la voce straordinaria ed emozionante di Mia Martini.

Io sono la Mia musica Mia Martini Raccolta

Sarà finalmente disponibile l’unica raccolta, e irripetibile,della discografia di Mia Martini, una produzione unica perché i quasi 60 brani raccolti nei 4 cd sono in grado di ripercorrere l’intera carriera della grande interprete, dal 1971 al 1994. Non esiste altra antologia in grado di restituire pienamente l’intero e accidentato percorso artistico della indimenticabile Mimì. Per questo, Io sono la Mia musica rappresenta un’occasione irripetibile per catapultare l’ascoltatore nel diario, emozionante, di una vita vissuta all’insegna della musica. Proprio lei, la musica è la chiave di lettura dell’intero lavoro: una passione che nella vita di Mia Martini si configura sin dagli esordi come una specie di missione. Questa antologia è la ricostruzione di un percorso, di vita e di amore, in grado di unire i grandi hit scolpiti nella memoria collettiva (da Piccolo uomo a Gli uomini non cambiano) ad autentiche perle misconosciute ai più.

PRE-ORDINA QUI IL COFANETTO DI AMAZON

Mia Martini è stata tra le prime a cantare Elton John in italiano, la prima a credere e a sposare la poesia di Vinicius De Moraes. La prima a credere nella caratura artistica di un Ivano Fossati, ancora all’inizio del suo percorso da cantautore, che scrive per Mimì sorretto da un sentimento che è, anzitutto, il segno di una relazione umana e artistica profondissima. Valore aggiunto della raccolta è la limpidezza del suono, frutto di restauro filologico. Non manca una versione con arrangiamento diverso rispetto al singolo edito nel 1978 (Dimmi) e chicche come La costruzione di un amore, uno dei brani escluso dal live Miei compagni di viaggio, presentato nella raccolta in versione restaurata. Stelle di stelle, l’unico duetto ufficiale di lei con Claudio Baglioni, che nel 1971 scrisse il suo album d’esordio, sigla una stagione di collaborazioni artistiche vissute con una autenticità oggi forse impensabile. Il booklet, redatto dalla penna di Menico Caroli, include foto in parte inedite e un racconto del legame strettissimo tra Mia e la musica.