Luis Fonsi, la recensione del nuovo album “Vida”

Si intitola Vida il dodicesimo album di inediti di Luis Fonsi, in uscita nei digital store e nei negozi il 1 febbraio per Universal Music.

Luis Fonsi Recensione Vida

Ebbene si, a distanza di cinque anni dalla pubblicazione del suo ultimo album di inediti, 8, e dopo aver monopolizzato le classifiche di tutto il Mondo per mesi con la sua Despacito (e non solo), con il quale ha raccolto oltre 5,9 miliardi di visualizzazioni su YouTubeLuis Fonsi pubblica il suo nuovo album di inediti intitolato Vida.

Vida, è composto da dodici tracce, tra cui il già citato Despacito, e i tormentoni Calypso Echema la Culpa, che in poco meno di due anni gli sono valsi, un disco di diamante, uno d’oro e due di platino solo in Italia. Luis Fonsi è sicuramente il simbolo di come la musica latina abbia preso piede, condizionando sensibilmente gli andamenti delle classifiche di vendita e radiofoniche negli ultimi anni.

 

Anticipato dal singolo SolaVida è stata prodotto dai vincitori dei Latin Grammy Awards, Mauricio Rengifo e Andrés Torres. La bravura nel confezionare questo progetto sta nel fatto di non aver voluto creare un album formato da hit e reggaeton, sarebbe stato molto più comodo realizzare un disco che seguisse le orme dei singoli che lo hanno anticipato mantenendo una confort-zone, contrariamente sono stati in grado di portare alla luce molte sfumature dell’artista, proponendo anche delle ballad molto interessanti come Le Pido il Cielo, che danno all’artista latino una veste più malinconica e struggente, riuscendo a far risaltare la versatilità della sua voce e dell’interpretazione. Già in Sola si poteva scorgere la volontà dell’artista di distanziarsi dalle precedenti pubblicazioni, pur non rinnegandole, ma facendo un passo avanti. Luis, con il singolo Sola, è stato in grado di trasformare una ballad latina in un brano incalzante, complice il ritmo che accompagna il pezzo e rende impossibile all’ascoltatore non cantarci e/o ballarci sopra.