Shine, la recensione del nuovo album “Matter of Time”

Si intitola Matter of Time, il nuovo album di Shine, il duo composto dal pianista, compositore e produttore jazz Kekko Fornarelli e il cantante Roberto Cherillo.

Matter of Time Shine Kekko Fornerelli Roberto Cherilli

Dopo aver collaborato con grandi nomi come Eric Vloeimans, Flavio Boltro, Rosario Giuliani, Francesco Bearzatti, Benjamin Henocq, Jerome Regard, Manhu Roche e Luca Bulgarelli, Kekko Fornarelli, pianista e compositore classe ’78, torna sulla scena musicale con il suo nuovo album di inediti accompagnato da, quella che è considerata una delle voci maschili più importanti e apprezzate in Italia, Roberto Cherillo. Dall’unione di queste due personalità nasce Shine. 

A distanza di tredici anni dalla pubblicazione del primo album Circular Thought, considerato dagli addetti ai lavori come uno dei progetti jazz italiani migliori del 2005, arriva nei negozi Matter of Time, il quarto album della carriera di KekkoMatter of Time è un progetto molto importante per Kekko Fornarelli, poiché rappresenta il connubio di due diverse personalità, un connubio che ha prodotto ben dieci tracce in cui è possibile ascoltare un mix di suggestioni sonore che spaziano dal puro piano jazz all’elettronica, passando per le contaminazioni nordeuropee, il trip-hop anglosassone e i richiami alla musica orientale. La voce di Roberto Cherillo ed il piano di Kekko Fornarelli, uniti all’elettronica, si armonizzano e si supportano a vicenda, amalgamandosi alle distorsioni create dai synth, dando vita ad atmosfere nuove dalla forza evocativa esclusiva.