Aerostation, da venerdì 16 novembre in radio “Wide Eyes And Wonder”

Da venerdì 16 novembre sarà in rotazione radiofonica e nei negozi digitali Wide Eyes And Wonder  il nuovo brano di Aerostation, secondo singolo estratto dall’album Aerostation.

Aerostation Wide Eyes And Wonder

Aerostation è un progetto di Gigi Cavalli Cocchi ed Alex Carpani. Il duo è accompagnato al basso da Jacopo Rossi, talentuoso bassista della scena metal internazionale, membro di band di livello internazionale come Dark Lunacy, Antropofagus, Nerve. Aerostation è un power trio, ma senza chitarre, che suona un rock moderno e attuale, potente e suggestivo, cantato in inglese, dove si fondono alternative rock, crossover prog, hard rock, elettronica e pop. Il sound è tipicamente rock, anglosassone e cosmopolita. L’idea di questo progetto è nata nell’autunno 2015, mentre Gigi Cavalli Cocchi aveva appena concluso l’esperienza del Campovolo 3 con Ligabue davanti a 150.000 persone ed Alex Carpani stava ultimando a Milano le registrazioni e il mixaggio del suo ultimo album So Close. So Far, il disco della svolta a livello artistico. Entrambi i musicisti avevano già la testa proiettata in avanti, verso nuovi progetti ed esperienze. Alla fine del 2016, Alex e Gigi decidono di essere un duo, con la collaborazione esterna di un bassista che, nella fattispecie, sarà Jacopo Rossi, musicista noto nella scena metal internazionale (Dark Lunacy, Antropofagus, Nerve). L’incontro con la manager e discografica Iaia De Capitani (Aerostella, D&D Concerti, management di PFM) ha dato l’impulso necessario per la pubblicazione dell’album, che porta come titolo il nome stesso della band, nonché per far conoscere questo nuovo progetto al pubblico italiano ed internazionale. Da aprile a settembre 2018 Aerostation ha presentato in Italia e all’estero (Francia, Canada) alcune anteprime live del disco, prima ancora della sua pubblicazione, riscuotendo molti consensi da parte del pubblico e degli addetti ai lavori.

«Wide Eyes And Wonderè il singolo principale dell’album. Descrive, né più né meno, le emozioni che può provare un astronauta al momento della partenza, del volo verso lo spazio e del rientro sulla Terra. Eccitazione, nervosismo, dubbi e paure, realizzazione totale una volta nello spazio, salvo poi rendersi conto, subito dopo, che casa nostra è qui sulla Terra, dove appoggiamo i piedi al suolo e dove c’è sempre qualcuno che aspetta il nostro ritorno.» Aerostation