Lele, in radio e negli store digitali dal 15 giugno con “Giungla”

Si intitola Giungla il nuovo singolo di Lele, in radio, streaming e in tutti gli store digitali da venerdì 15 giugno.

Cantautore e musicista, Lele (nome d’arte di Raffaele Esposito) ha 21 anni, è nato a Pollena Trocchia (provincia di Napoli). Fin da piccolo ha la passione per la musica e per il canto: a 6 anni si avvicina al pianoforte, strumento che continuerà a studiare entrando a 12 anni al conservatorio di Napoli San Pietro a Majella. Suona inoltre la chitarra da autodidatta. Lele, prima ancora di essere un cantante, è un autore e compositore: scrivere è una passione che coltiva da sempre, e già a 12 anni inizia a creare testi e musiche delle sue canzoni in italiano e in inglese. Dopo l’esperienza ad Amici, a maggio 2016 esce il suo primo album Costruire, e Lele viene scelto da Elisa e da Emma come opening-act di alcune date dei rispettivi tour nei palasport. Vince nella sezione Nuove Proposte del 67° Festival di Sanremo con il brano Ora Mai, contenuto in Costruire 2.0, versione rinnovata del disco d’esordio con quattro tracce che vantano la prestigiosa produzione di Michele Canova.

Lele Giungla

Giungla, che anticipa il prossimo album dell’artista, è dunque la prima sfaccettatura del disco, ispirata dalla nuova onda musicale Soul/R&B, di cui Lele è grande fan.

Questo pezzo è per Napoli ed i napoletani. Con l’auspicio che la nostra caparbietà e la nostra forza d’animo ci aiutino a non essere più vittima di noi stessi e che il sacrificio quotidiano, scritto nel nostro codice genetico, ci permetta di abbattere quel muro di pregiudizio che ancora oggi non dà cenni di cedimento”.

Con queste parole Lele presenta il nuovo singolo, scritto da Lele stesso, prodotto da Michele Canova e Pat Simonini e già disponibile in pre-save su Spotify e in pre-order su iTunes.

Napoli e la Musica Black si sono sempre amate. Vuoi per le affinità storico-culturali tra mondo afro-americano e quello napoletano, vuoi per la lingua estremamente ritmica, in un modo o nell’altro il legame è sempre stato vivo. E io ho capito che il mio modo di fare musica doveva passare da lì. Dall’unione di queste due culture. Il viaggio di questo disco quindi partirà da Napoli ma farà subito tappa nella cultura afro-americana”, afferma Lele.